Libertà di opinione per chi difende la famiglia

Petizione rivolta a: Enzo iacopinio, presidente dell'Ordine dei giornalisti

 

Libertà di opinione per chi difende la famiglia

020.000
  10.508
 
10.508 persone hanno firmato. Aiutaci a raggiungere l'obiettivo 20.000 firme.

Libertà di opinione per chi difende la famiglia

Qualche giorno fa, il Dipartimento delle Pari opportunità ha diffuso il documento "Linee guida per un'informazione rispettosa delle persone LGBT", con l'obiettivo di indirizzare gli operatori del settore dei media verso un linguaggio meno discriminatorio nei confronti delle persone omosessuali, transessuali e bisessuali.

Il testo contiene indicazioni assolutamente condivisibili (come quando denuncia gli insulti e le discriminazioni subite dalle persone LGBT in quanto tali), ma rappresenta anche una seria minaccia alla libertà di opinione dei giornalisti e, di cosceguenza, costituisce uno strumento di manipolazione dell'opinione pubblica.

Gran parte del documento (dai richiami tutt'altro che neutrali al disegno di legge Scalfarotto, ancora al vaglio del Senato, ai continui riferimenti alle categorie dell'ideologia gender) sembra criminalizzare le idee di chi, ad esempio, ritiene che il matrimonio debba riguardare solo le unioni tra un uomo e una donna o chi sostiene che un bambino abbia bisogno di una madre e di un padre.

Utilizzando la categoria omnicomprensiva della "lotta alle discriminazioni" e dei "ditritti delle persone LGBT", queste linee guida squalificano come intolleranti e come "discorsi d'odio" le idee di quei giornalisti (credenti e non) che semplicemente (e senza nessun atteggiamento aggressivo o violento) hanno a cuore un determinato modello di società, basato sulla famiglia come unione di un uomo e una donna. Come accade troppo spesso, si parte dall'intenzione di combattere l'odio e l'omofobia e si finisce per discriminare le opinioni, si propongono indicazioni marcatamente ideologiche e politicizzate coprendole con una supposta neutralità istituzionale.

Con questa petizione, chiediamo a Enzo Iacopino, presidente dell'Ordine dei giornalisti, di adoperarsi perché questo documento liberticida non influenzi le direttive deontologiche della professione.

+ Letter to:

Firma subito questa petizione!

 
Please enter your first name
Please enter your last name
Please enter your email
Please enter your country
Please enter your zip code
Per firmare seleziona una voce:
Trattiamo i tuoi dati personali in conformità con la nostra Informativa sulla privacy e ai nostri Termini di servizio.Firmando la presente accetta i Termini di Uso e la Policy della Fondazione CitizenGO, e accetta di ricevere in futuro altre comunicazioni sulle nostre attività e campagne. Può ritirare il consenso prestato in qualsiasi momento e senza alcun impegno. Grazie.

Per la libertà di opinione in tema di famiglia e matrimonio

Caro presidente,

le recenti "Linee guida per un'informazione rispettosa delle persone LGBT", pubblicate dal Dipartimento delle Pari Opportunità, oltre a contenere indicazioni di assoluto buon senso contro la violenza e la discriminazione, rappresentano un rischio per la libertà di opinione dei giornalisti.

Le chiedo di non inserire il documento tra le fonti per la deontologia della professione.

Cordialmente

Libertà di opinione per chi difende la famiglia

Firma subito questa petizione!

020.000
  10.508
 
10.508 persone hanno firmato. Aiutaci a raggiungere l'obiettivo 20.000 firme.