Boicottiamo l'evento della "Fabbrica della Pace" (11 maggio)!

Destinatario: Alle famiglie italiane e a tutti i mezzi di comunicazione

 

Boicottiamo l'evento della "Fabbrica della Pace" (11 maggio)!

Boicottiamo l'evento della "Fabbrica della Pace" (11 maggio)!

02.000
  1.059
 
1.059 firmato. Raggiungiamo 2.000!

Radio Spada - lunedì 4 maggio 2015

Si apprende dai giornali, dalle televisioni e dalle stesse parole di Emma Bonino, che la leader radicale è stata invitata da Francesco lunedi 11 maggio, alle ore 9, in Sala Nervi (Città del Vaticano), per partecipare all’evento organizzato dalla Fabbrica della Pace, durante il quale – come affermano i convocatori – “Migliaia di bambini di tutte le etnie si troveranno", per incontrare Francesco "e lavorare con lui a un grande sogno: costruire un mondo di pace, tolleranza e accoglienza”. [qui il documento: http://www.cooperazioneallosviluppo.esteri.it/pdgcs/Documentazione/Altri... ]

Noi riteniamo che Emma Bonino non abbia nulla da insegnare ai bambini. Ha solo da espiare i peccati della sua azione politica, che ha concorso in maniera determinante:

• all’uccisione, ogni anno in Italia, di quasi un milione di bambini per aborti più o meno nascosti, così praticati:

• a 130.000 abortiti ufficialmente (col sostegno ed il finanziamento della L. 194/78);

• a centinaia di migliaia di vittime della Norlevo (il pesticida del giorno dopo), della pillola dei 5 giorni dopo, della Ru486 e di altre forme di aborto chimico;

• a 140.000 abortiti procurati dalla fecondazione assistita; a 16.000 che dalla stessa legge vengono ogni anno congelati;

• agli 850.000 bambini uccisi ogni anno per l’uso della spirale;

• ai 220.000 all’anno uccisi a causa della pillola EP!;

• alla dissoluzione dell’istituto familiare, con l’introduzione del divorzio, anche nella sua forma breve approvata in queste settimane;

• alla diffusione di una cultura anti-umana, promossa dalle organizzazioni internazionali – in particolare Parlamento europeo e Nazioni Unite – sul controllo delle nascite, in ragione della salute riproduttiva delle donne e a una bomba demografica che non è mai esistita;

• all’affermazione della teoria del gender, che vuole annullare la differenza sessuale tra maschio e femmina e creare figure che nulla hanno a che fare con il progetto di Dio nei confronti dell’umanità.

Emma Bonino non solo non ha mai rinnegato queste battaglie – come lei le chiama – che confondono la libertà con il desiderio, ma ne ha aggiunte di nuove:

• non consentire la sepoltura dei bambini mai nati;

• contro l’obiezione di coscienza degli operatori sanitari all’applicazione della legge 194;

• la liberalizzazione dell’uso delle droghe;

• la legalizzazione dell’eutanasia.

Diciamo a Francesco che invitare Emma Bonino in Vaticano per l’evento dell’11 maggio significa legittimare queste battaglie e questa cultura, che nulla ha a che fare con la Parola di Gesù scritta nel Vangelo.

Invitiamo i genitori – costretti dalla cultura dominante a porsi il problema di come sottrarre i loro figli da una scuola che vorrebbe istruirli sulla normalità di comportamenti contrari alla legge divina - a non far partecipare i loro figli a questa manifestazione.

*Questa petizione, aperta a tutte le adesioni di singoli e collettività, è promossa da Radio Spada [radiospada.org]*


Aderiscono: Chiesa e Post Concilio - AgereContra


Questa petizione è stata creata da un cittadino o un'associazione non affiliati a CitizenGO. CitizenGO non è quindi responsabile dei suoi contenuti.
02.000
  1.059
 
1.059 firmato. Raggiungiamo 2.000!

Completa la tua firma

Firma subito questa petizione!

 
Please enter your email
Please enter your first name
Please enter your last name
Please enter your country
Please enter your zip code
Per firmare seleziona una voce:
We process your information in accordance with our Privacy Policy and Terms of Service

Destinatario: Alle famiglie italiane e a tutti i mezzi di comunicazione

Boicottiamo l'evento della "Fabbrica della Pace" (11 maggio)!

[Il tuo nome]

Destinatario: Alle famiglie italiane e a tutti i mezzi di comunicazione

Boicottiamo l'evento della "Fabbrica della Pace" (11 maggio)!

[Il tuo nome]