Ancora una coppia di cristiani massacrati in Pakistan. Quando finirà questa barbarie?

Destinatario: Paolo Gentiloni, Ministro degli Esteri

 

Ancora una coppia di cristiani massacrati in Pakistan. Quando finirà questa barbarie?

050.000
  22.447
 
22.447 persone hanno firmato. Aiutaci a raggiungere l'obiettivo 50.000 firme.

Ancora una coppia di cristiani massacrati in Pakistan. Quando finirà questa barbarie?

Ancora false accuse di blasfemia contro due giovani cristiani! Ancora in Pakistan, ancora nel distretto di Lahore.

Questa volta però l’epilogo drammatico e crudele è stato immediato.

Shahzad Masih, di 28 anni, e la moglie Shama, 25enne e incinta, una coppia cristiana, sono stati brutalmente sequestrati e rinchiusi martedì 4 novembre in una stanza nei pressi del mattonificio dove lavoravano, accusati senza nessuna prova di aver bruciato alcune pagine del Corano.

Il proprietario della fabbrica di mattoni, Yousaf Gujjar, ha diffuso la voce nella comunità musulmana locale che la coppia aveva commesso il reato di blasfemia. È così che rapidamente mercoledì mattina si è diffusa l’indignazione e una folla inferocita di alcune centinaia di persone ha raggiunto e preso a colpi di pietra la coppia, fino ad ammazzarli.

I due corpi sono poi stati poi gettati nella fornace del mattonificio. Gli autori della brutale e codarda violenza sono fuggiti, facendo disperdere le proprie tracce.

Fino a quando assisteremo impassibili a questi atti di barbarie e di persecuzione religiosa che si stanno moltiplicando in molte aree del mondo? Fino a quanto i nostri governi rimarranno chiusi in un silenzio colpevole?

Firmando questa petizione chiederai al Neo Ministro degli Esteri italiano, Paolo Gentiloni, che il Governo italiano esprima una posizione di ferma condanna sull’accaduto e di fare pressione sul Pakistan perché questi crimini vegano puniti.

Perché è fondamentale che gli stati in cui questi crimini efferati vengono perpetrati facciano giustizia e che la condanna dei responsabili sia sempre assicurata per poter tutelare le minoranze e la libertà di espressione anche religiosa.

In caso contrario continueremo ad assistere agli atti di persecuzione religiosa e di barbarie commessi in questi stati.

Ti prego di firmare immediatamente questa petizione. Non possiamo rimanere semplici spettatori di quanto accade ai cristiani nel mondo. Loro hanno bisogno del nostro sostegno.

Tutte le firme raccolte verranno consegnate direttamente al Ministro Paolo Gentiloni.

+ Letter to:

Firma subito questa petizione!

 
Please enter your first name
Please enter your last name
Please enter your email
Please enter your country
Please enter your zip code
Per firmare seleziona una voce:
Confermi? Potrebbero esserci novità su questo argomento. Potrai comunque disiscriverti in qualsiasi momento.
Firmando la presente accetta i Termini di Uso e la Policy della Fondazione CitizenGO, e accetta di ricevere in futuro altre comunicazioni sulle nostre attività e campagne. Può ritirare il consenso prestato in qualsiasi momento e senza alcun impegno. Grazie.

Destinatario: Paolo Gentiloni, Ministro degli Esteri

Onorevole Ministro Gentiloni,

l’efferato omicidio dei coniugi cristiani Shahzad e Shama Masih, avvenuto in Pakistan in seguito a un’accusa di blasfemia, è un atto gravissimo che nessun Paese democratico e civile potrà mai accettare.

L’Occidente e l’Italia in primis non possono esimersi quindi dall’esprimere chiaramente la loro posizione contraria rispetto a questa profonda ingiustizia e totale mancanza di rispetto della vita, della libertà religiosa e dei diritti individuali.

Le chiedo dunque il coraggio di una dichiarazione ufficiale da parte del Governo italiano per affermare la netta condanna dell’Italia di quanto accaduto in Pakistan e il Suo personale impegno a favore della tutela della dignità della persona e della libertà religiosa.


Cordialmente

Ancora una coppia di cristiani massacrati in Pakistan. Quando finirà questa barbarie?

Firma subito questa petizione!

050.000
  22.447
 
22.447 persone hanno firmato. Aiutaci a raggiungere l'obiettivo 50.000 firme.