Il Governo non ritiri il Patrocinio al Congresso Mondiale delle Famiglie: non siamo cittadini di serie B

NON SIAMO CITTADINI DI SERIE B

 

Il Governo non ritiri il Patrocinio al Congresso Mondiale delle Famiglie: non siamo cittadini di serie B

020.000
  19.284
 
19.284 pessoas já assinaram esta petição. Ajude-nos a conseguir 20.000 assinaturas.

Il Governo non ritiri il Patrocinio al Congresso Mondiale delle Famiglie: non siamo cittadini di serie B

È in corso uno scontro politico durissimo sulla nostra Libertà di opinione.

La Presidenza del Consiglio dei Ministri, grazie al Ministro per la Famiglia Lorenzo Fontana, ha concesso il Patrocinio al Congresso Mondiale delle Famiglie in programma a Verona a fine marzo, di cui CitizenGO è co-promotrice.

Il Congresso Mondiale delle Famiglie è un evento a cui parteciperanno 800 persone, tra cui 70 relatori da tutto il mondo, per discutere della bellezza della Famiglia, dell'importanza di tutelare la Vita, del diritto di priorità educativa dei genitori contro ogni indottrinamento scolastico di stato.

Un evento che si concluderà domenica 31 marzo con una grande Marcia per la Famiglia a cui si aspettano già migliaia di mamme, papà, nonni, ragazzi, bambini. Una festosa occasione per ricordare all'Italia, all'Euroa e al mondo che solo rimettere al centro la Famiglia ci salverà dalle crisi in corso. Tutte le crisi: quella sociale, quella economica e quella morale.

Ma ci sono potenti lobby a cui tutto questo proprio non va giù.

Non gli sta bene che si parli di Famiglia, e non si parli bene del matrimonio gay.

Non gli sta bene che si parli di Vita, e non si sponsorizzino aborti di massa.

Non gli sta bene che si parli di figli, e non si promuova l'utero in affitto.

E così hanno iniziato una guerra spietata al Congresso Mondiale delle Famiglie e ai suoi organizzatori. Inventando di sana pianta bugie e calunnie, come la presenza - assolutamente falsa e di cui risponderanno in Tribunale! - di un'attivistà africana per la pena di morte per le persone omosessuali. Che idiozia!

Adesso, puntano alla revoca del Patrocinio. Stanno facendo pressione sul Governo perché sia ritirato. In prima fila, il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio (5 Stelle) Vincenzo Spadafora, paladino della Lobby Lgbt. Subito dopo, Monica Cirinnà, la senatrice del Pd che qualche giorno fa ha sfilato con un corteo femminista tenendo in mano un cartello con scritto: "Dio, Patria, Famiglia: che vita di merda!".

Questa è la gente che ci vuole togliere il Patrocinio. E poi sarebbero le nostre le opinioni disdicevoli o retrograde. Loro preferiscono gli insulti e le offese.

Con questa petizione, chiediamo al Governo di non retrocedere: non ritirate il Patrocinio concesso al Congresso Mondiale delle Famiglie. Non possiamo essere tutti ostaggio della parte più intollerante e laicista del Paese!

Firma subito e poi diffondi la petizione, grazie!

+ Letter to:

Assine esta petição agora!

 
Please enter your first name
Please enter your last name
Please enter your email
Please enter your country
Please enter your zip code
Por favor, escolha uma opção:
Procesamos seus dados pessoais de acordo com nossas Política de privacidade e nossos Termos de uso.Ao assinar você aceita os termos de uso da CitizenGO e sua política de privacidade, e aceita receber mensagens de e-mail sobre nossas campanhas. Você pode cancelar seu cadastro na lista a qualquer momento.

Il Governo NON ritiri il Patrocinio al Congresso Mondiale delle Famiglie di Verona

Presidente Giuseppe Conte,

Le chiedo di NON ritirare il Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri al Congresso Mondiale delle Famiglie di Verona a fine marzo. A dispetto delle menzogne e delle calunnie lanciate ad arte dalla stampa e dai collettivi femministi e Lgbt - si tratta di un grande evento di promozione della Famiglia, della Vita e delle Libertà fondamentali.

Atenciosamente,
[Seu nome]

Il Governo non ritiri il Patrocinio al Congresso Mondiale delle Famiglie: non siamo cittadini di serie B

Assine esta petição agora!

020.000
  19.284
 
19.284 pessoas já assinaram esta petição. Ajude-nos a conseguir 20.000 assinaturas.